#Flexiblity is the key of MWC 2019

ITA/ Flessibilità. Il 2019 è parito sotto il segno della morbidezza, delle forme curve, di una libertà fatta di assenza di spigoli e forme squadrate. Se ne parla dal CES di Las Vegas, in cui le grosse aziende di smartphone hanno iniziato a far girare le voci (e anche qualche prototipo più o meno definitivo) di smartphone “liquidi”. A meno di 10 giorni dal più grand evento tecnologico legato alla comunicazione, il Mobile World Congress di Barcellona, si inizia ad intravedere qualcosa che presto diventerà la moda trainante dei prossimi smartphone, tablet, smartwatch. Se gli spigoli fino ad oggi erano arrotondati, per dare morbidezza ad un blocco di alluminio e circuiti stampati, ora con gli schermi pieghevoli di nuova generazione, la flessibilità diventerà la parola chiave del successo dei prossimi dispositivi mobili. Raddoppiano gli spazi che si dimezzano ripiegando lo schermo in due, come se fosse un libro. Avremo smartphone e tablet con doppi schermi separati, in grado di migliorare le prestazioni delle batterie e di caratterizzare il design esterno, utilizzando parte dello schermo come cover estetica personalizzabile. Grazie alla nuova tecnologia degli schermi flessibili, dal 25 al 28 febbraio si vedrà il debutto ufficiale del primo “smartphone indossabile” come l’ha voluto battezzare la cinese “Nubia“, che dopo le prime apparizioni sul mercato dei concorrenti Huawei, Samsung, and Xiaomi, ha deciso di giocarsi la carta dello smartwatch curvo e flessibile proprio in occasione dell’evento che negli ultimi anni, è diventato il riferimento mondiale per la telefonia mobile e la connessione dati. Se la tecnologia è pronta a sbarcare sul mercato, certamente i brand di moda non si faranno scappare la possibilità di cavalcare nuovamente l’onda, cercando collaborazioni e progetti in grado di aumentare la loro presenza nel settore hi-tech.

This slideshow requires JavaScript.

ENG/ Flexibility. The 2019 started by softness, curved shapes and a freedom made up of the absence of edges and squared shapes. It’s been discussed at CES in Las Vegas last January, where large smartphone companies have started to spread rumours (and even some more or less definitive prototypes) of “liquid” smartphones. Less than 10 days from the biggest technological event related to communication, the Mobile World Congress in Barcelona, we start to glimpse something that will soon become the key driver behind the next smartphones, tablets, smartwatches. If the edges were rounded up to now, to give softness to a block of aluminum and printed circuit boards, now with the folding screens of new generation, flexibility will become the keyword for the success of the next mobile devices. The double space that is halved by folding the screen in two, as if it were a book. We’ll have smartphones and tablets with separate doble screens, which can improve battery performance and characterize the exterior design, using part of the screen as a customizable aesthetic cover. Thanks to the new technology of flexible screens, from 25 to 28 February we will see the official debut of the first “wearable smartphone” as it was named by the Chinese “Nubia“, which after the first appearances on the trade fair of its competitors Huawei, Samsung, and Xiaomi, decided to play the card of smartwatch curved and flexible design at the event that in recent years, has become the global reference for mobile phone and data connection. If the technology is ready to enter on the market, certainly the fashion brands will not miss the opportunity to ride the wave again looking for collaborations and projects that can increase their presence in the hi-tech sector.

Fabrizio Chiara