Fashion Camp..da blogger, a presentatore, a startupper..

IMG_0360

E’ già passata un’altra settimana frenetica, dall’evento della moda emergente milanese, firmato Fashion Camp. In molti sin dalla domenica, hanno tirato le somme sull’evento 2013 che come sempre, ha regalato grandi soddisfazioni per il pubblico, sebbene l’affluenza non sia stata una vera e propria invasione. Gli organizzatori erano comunque soddisfatti per la bella risonanza mediatica ricevuta, per gli interventi alle unconference di qualità, volte spesso all’innovazione tecnologica, e per chi ha esposto particolari prodotti nel temporary shop, allestito alla fabbrica del vapore, sede dell’evento. Nella due giorni, la mia presenza è stata solo a metà, visti gli impegni e soprattutto, per la presentazione del progetto “Shoestagram” in coppia col suo fondatore e amico, Marco Milone.

Prima dopo e durante, ho assistito con curiosità alle altre presentazioni, anche per conoscere nuove realtà che si legano molto bene alla moda. Ovviamente in questo caso ricoprivo il ruolo di blogger, ed è stato interessante scoprire come si stia muovendo il sistema fashion emergente, al di fuori del mondo ovattato e scoppiettante della moda più conosciuta e un po noiosa dei tempi nostri. E qui la mia terza parte è entrata in gioco. Il lato startupper ha avuto le sue soddisfazioni conoscendo di persona, nuove realtà con cui avevo stretto contatti solo sul web. La giornata è stata redditizia, in primis, per l’ottima impressione fatta con l’applicazione per appassionati di scarpe, che poco alla volta sta costantemente crescendo sia in numero di utenti, che di attività e che si sta preparando per fare il salto verso il lato business, andando incontro alle esigenze del mercato e degli utenti, che potranno solo giovarne col tempo. Scattando foto qua e la, ho avuto modo di conoscere le due belle ed intraprendenti fashion blogger made in Brazil, ma parmensi d’adozione..Jessica Neumann e Juliane Borges di “Couture Trend” che si sono lasciate fotografare i piedi. La tavola rotonda nella pausa pranzo, ha dato la possibilità a tutti i partecipanti, di discutere e di vedere con occhi diversi il ruolo del blogger e di come esso debba comportarsi per dare un servizio critico, ma allo stesso tempo, non lesivo per il brand di cui parla.

994282_618005318229365_499806978_n

Poco prima a pranzo, ho avuto il grande onore e piacere di passare una buona mezz’ora a chiacchierare con il make-up artist di Yves Saint Laurent, Valter Gazzano, che dagli anni ’80, lavora e segue i progetti aziendali legati alla cosmetica. Interessante è stato riscoprire tutta la storia del grande stilista, da Dior fino alla sua morte. Valter, torinese, è una persona attenta al dettaglio non solo nel trucco, ma anche nel modo di parlare e spiegare.

999660_617998091563421_1732386661_n

Ma in pausa, ho avuto anche l’occasione di conoscere Simone Ivancevich, che fà parte del nuovo progetto di accelerazione per startup fashion FT accelerator, che da San Francisco, sbarcherà a settembre proprio nello stivale, per aiutare i progetti più meritevoli a correre e crescere il più velocemente possibile, col supporto di persone competenti e con un grande network di contatti. Tra gli atri con Simone, ho ritrovato il founder di Regalister, Davide Bertarini, conosciuto nell’ambiente torinese dell’incubatore I3P, per la sua applicazione mobile per i regali,  e Matteo Margini di Pashion Victim, social commerce di nuova concezione.

181209_617953048234592_2026283031_n

Alla fine della giornata, il momento più easy ed interessante, mi è stato regalato da un face to face con la blogger di Glamour.it, Stefania Virone Vittor. Il ritorno ai 300 km orari su Italo, in direzione di Torino, è stato un mix di risate, battute e racconti che mi ha permesso di scoprire una donna curiosa, divertente e con molti amici in comune. Davvero un bel momento, terminato alla stazione di Torino con un arrivederci che spero non si faccia tardare ad arrivare.

1010919_617953088234588_1643371220_n

Chiuderei questo lungo post, dedicato al Fashion Camp, ringraziando Arianna Chieli, Riccardo Chiozzotto e Raffaella Amorosoper avermi dato modo di salire sul loro palco, portando l’esperienza di Shoestagram, e per complimentarmi per il grande lavoro svolto anche quest’anno.

969186_617953178234579_876615154_n

Fabrizio Chiara

One response to “Fashion Camp..da blogger, a presentatore, a startupper..

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s