Dalla favela, alla passerella..la moda di Coopa Roca

Son passati molti anni da quando Teresa Leal, 50 anni, ha creato Coopa Roca. Qui la moda ed il design è prodotto da circa 80 donne, che incastrando i loro tempi riescono a lavorare e a portare a casa una pagnotta dignitosa. Compatibilmente ai loro impegni e bisogni, hanno iniziato a ridare un futuro ad una favela che fino a pochi anni prima era terra dei narcos della droga, in cui si sparava abitualmente per il controllo dell’area. Ora grazie a Teresa, le cose sono diverse, si è cambiato il registro e si lavora per un futuro migliore, per dare un futuro a chi prima non lo aveva. Con il suo impegno sul territorio, sfruttando le potenzialità delle donne del luogo, si è iniziato a creare prodotti che sono usciti dai confini del Brasile per giungere su importanti passerelle ed eventi come da Selfridges a Londra per “Brazil 40 degrees” nel 2004, per poi passare da Parigi ed in Germania. Nel 2010 sono arrivati al Fuorisalone Design Week di Milano. Con i passi da gigante fatti negli anni, hanno aperto anche uno store nello Shopping Mall più importante di Rio, nel quartiere di Sao Conrado. Nel negozio sono in vendita lampade da oltre 300 euro, vestiti e altri prodotti di loro produzione. La ragazza che segue il negozio, lavora e studia per poter finire l’università e spera al più presto di realizzare il suo sogno e poter vivere anche lei una vita normale,  come altre sue coetane più fortunate che vivono a 10 min da casa sua, dalla favela, in cui la gente dorme nelle baracche.

Fabrizio Chiara

One response to “Dalla favela, alla passerella..la moda di Coopa Roca

  1. Pingback: Fashion Revolution – A Global Movement | blaggando·

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s